Viaggio a Ritroso - plastico

Perché Viaggio a ritroso?

Con questa installazione a forma di spirale, vogliamo rappresentare il percorso iniziato subito dopo la fine della guerra, anni in cui tutto era difficile, ma allo stesso tempo era facile....bastava fare qualsiasi cosa.

E' da questo momento che inizia un vortice, una spirale, un meccanismo che trascina tutto e tutti. Difficile era ed è fermarsi, anche se ci rendiamo conto di essere al di sopra delle nostre possibilità e stanchi per il super lavoro.

Per questo è necessario fermarsi e pensare a un "Viaggio a Ritroso".

Strano a dirsi, ma è po' come la lumaca che fa tre giri per costruire la chiocciola poi si ferma, non perché non è in grado di fare il quarto o il quinto giro, ma per evitare che la chiocciola diventi troppo fragile e troppo faticoso il trasporto, pertanto torna indietro e rafforza i giri fatti.

Camminando all'interno della spirale, nei due lati troviamo delle stazioni di diverse dimensioni.

In ogni stazione verrà affrontato una tematica rappresentando il passato, il presente ed il futuro.

La tecnica utilizzata per la rappresentazione sarà varia: dalla fotografia, alla pittura, alla scultura, alla proiezione di filmati; al termine di questo percorso troveremo una luce... una luce intensa si accenderà con la speranza che possa illuminare il nostro futuro.